.
Annunci online

 
draculia 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Soviet
Aletheia
Ilpostodellefragole
Luigirossi
Brigante
visionidiblimunda
Aegaion
Bloggerperfecto
Irlanda
Racconti
Lazzaroblu
Ladyrosenoire
Valmadlene
Le jongleur
Martinrua..massonevolteriano
Voglio scendere!

la télé qu'ici il n'ya pas...
L'Humanité
Mondialisation
lemonde
Voltaire
Mediaterre
nos cousins communistes
philomag
Le monde diplomatique

Akatalepsia (Aletheia)
Tisbe
Giulia
Dacia Valent
Beppone
dreca
Heraclitus

Megachip
ComeDonChisciotte
Qui Appunti dal Presente
Anno Zero
Report
Ballarò
Riccardo Iacona
Sandro Ruotolo
Sabina Guzzanti
Franca Rame
Dario Fo
dariofoefrancarame
Marco Travaglio
Oliviero Beha
Il diario delle belle donne
L'Ernesto
Carmilla
Internazionale.it
Attac
Liberazione
Beppe Grillo
radio popolare
Lifegate
disinformazione
arcoiris
cani sciolti
Il Manifesto
Ecoage
unmercantecomunista
CasadellaCultura
rainews24

MaxBazzana
Bruna
  cerca



*




*





*



*



*



Ferma.
Eppure
in viaggio.
Una
Armonia
di quattro.
Delineata
E mutevole
come l’acqua.



Dentro
e fuori
al confine



Libera
il pensiero




un sigillo
aperto



e
mille
mondi
possibili






 


 

Diario | stile libero | ballate | i Giganti | Suoni, immagini e pensieri | vecchi e nuovi tasselli di un puzzle... |
 
Diario
1visite.

23 febbraio 2012

André Gorz, Le socialisme difficile

Fintanto che il lavoro sarà vissuto e posto nella società come ciò che disfa l’uomo, come costrizione ed oppressione da subire, tutto il campo del non-lavoro sarà, al contrario, posto come quello dell’evasione, del divertimento e della felicità passiva. Secondo l’espressione di Bruno Trentin, “il consumatore alienato, è l’individuo che riflette nei propri bisogni di consumo la sua alienazione come agente di produzione”.

André Gorz, Le socialisme difficile, Ed. du Seuil, p.37

 

In tempi di crisi, globalizzazione e capitalismo allo stremo, torna di grande utilità la rilettura di una grande filosofo, che reinterpretò il pensiero marxiano alla luce delle esigenze e contraddizioni insite nella società contemporanea, André Gorz.

Le aziende non assumono perché apparentemente in perdita ed il tessuto sociale è rammendato dai fragili fili dei sussidi, ma al solo chiedere come tanti managers abbiano potuto dimostrare, oltre all’incompetenza, un’incredibile tendenza allo sfruttamento dei lavoratori per i propri fini privati, i partiti che storicamente si definiscono espressione della collettività tacciono imbarazzati. Nessuna reale presa di posizione sull’inettitudine dilagante, nessuna punizione esemplare per chi, corrotto, ha utilizzato soldi pubblici e risorse aziendali per obiettivi personali.

Il termine “ottimizzazione” ricorre spessissimo come forma, ma nessuno si chiede di cosa si tratti nella sostanza.

Scriveva Gorz: “in numerosi casi, le esigenze di ottimizzazione entreranno in conflitto con il criterio di massimo rendimento.(…) Tali misure possono essere compatibili con dei progetti di produzione? Quali cambiamenti tecnologici sarebbero necessari perché esse lo divengano? Quanto tempo prenderebbero? Quanto costerebbero? Chi le pagherà?(…) Per saperlo c’è solo un modo: aprire i libri contabili della società. Quali sono i suoi profitti? Per cosa li impiega? Non potrebbe impiegarli in altro modo? (Le socialisme difficile, op.cit.)

Perché i cosiddetti partiti di sinistra o da essi discendenti si trincerano a palazzo, invece di tornare a parlare con la comunità di cui dovrebbero essere espressione? Una comunità che, lasciata a sé stessa,  si aliena sempre più, dilettandosi con gadgets e moderni ritrovati della tecnologia, contentini di un’oligarchia che dispensa “generosamente” l’idea che, attraverso status symbol comprati su E-bay o durante i saldi, ogni individuo sia perfettamente integrato nella società dei consumi. Non fa nulla che le scuole non abbiano strumenti, spazi ed un numero  d'insegnanti idoneo a far fronte alle esigenze degli studenti ; poco importa che il lavoro onesto non venga più garantito ai loro genitori, che i trasporti pubblici vengano considerevolmente ridotti per sostenere, con soldi pubblici, le imprese automobilistiche; tanto lo Stato deve apparire un concetto arcaico, quanto il valore del potenziale individuale, del singolo scisso dagli altri  deve assurgere a nuovo mantra:” si tratta di una società dove l’automobilismo è già diffuso; dove il sistema dei trasporti e la rete urbana sono organizzati in funzione dell’automobilismo ed indicano ogni individuo come automobilista potenziale.” Che il prezzo del petrolio ed il conseguente aumento del rifornimento di carburante siano in progressivo aumento diventa una mera conseguenza di un’astratta modernità, che viene, così, semplicemente subita come tale. La libertà del singolo consisterebbe nell’approvvigionamento di quanto più possibile, non nella sua reale espressione. Ciononostante :” se definiamo la libertà come la padronanza dell’individuo sulle sue condizioni d’esistenza, come la sua possibilità di modificare le sue condizioni in funzione dei suoi bisogni e della sua esigenza di realizzazione e di superamento, allora bisogna riconoscere che la libertà come la definisce la democrazia borghese è una libertà mistificata. Se definiamo la libertà come il potere degli individui sociali sulle condizioni sociali della loro esistenza, allora la democrazia capitalista deve sembrarci vuota di contenuto.”(A.G.,op.cit.)

L’individuo che “performa”, dando il suo più motivato e concreto contributo alla catena di montaggio sociale (nel senso capitalista), avrà il suo posto in prima classe nei treni ad alta velocità, potrà offrire le migliori scuole private ai propri figli, utilizzare il tappeto d’asfalto per correre a gran velocità con la sua macchina di potente cilindrata, connettersi al mondo tramite Ipad e godere dei favori dei suoi pari. Gli altri saranno i “paria”, infimi elementi apocalittici, che pagheranno la mancata integrazione con l’infamia, sbeffeggiati dalle classi politiche che, mutando bandiera, resteranno ben salde ai loro posti e non muoveranno mai un dito per migliorarne le condizioni di vita. Le pari opportunità resteranno lettera morta, relegate all’utopia di pochi, additati come reietti, obsoleti, nostalgici di un’età dell’oro maldestramente interpretata. Questo finché la disperazione dei cosiddetti ultimi non sarà talmente forte da indurre a giocare il tutto per tutto; allora le classi politiche grideranno al pericolo dell’estremismo, delle cellule impazzite, additando come “cancro” la conseguenza della malattia di cui sono essi stessi la causa: il fine privato come nuova religione.

L’unità non giunge al gruppo dall’esterno, come un sigillo apposto dalla materia inorganica su una molteplicità di esseri fattuali separati. Essa è prodotta come condizione necessaria alla realizzazione di un fine comune da cui dipende la salvezza di ciascuno. I gruppi sono i momenti dialettici costituenti ( e non costituiti) del sociale; sono specificamente organizzati in vista dell’azione sociale e storica; sono la ripresa della necessità in libertà”(A.G.,op.cit.)

1 maggio 2011

Zygmunt Bauman, Vite che non possiamo permetterci.

Uno Stato è sociale quando promuove il principio dell’assicurazione collettiva avallata dalla comunità contro le disgrazie individuali e le loro conseguenze. E’ quel principio(dichiarato, realizzato e reputato efficace e affidabile) ciò che innalza la “società immaginata” a comunità “reale” – ossia concretamente sentita e vissuta, sostituendo così all’”ordine per egoismo” che genera sfiducia e sospetto, l’”ordine dell’uguaglianza”, che ispira fiducia e solidarietà.(…) L’applicazione di tale principio può proteggere ( come spesso accade) gli uomini e le donne dalle tre piaghe della povertà, dell’impotenza e del degrado; ma la cosa più importante è che può diventare( come in linea di massima accade) fonte abbondante di solidarietà sociale, capace di convertire la “società” in bene comune, comunitario. La società può elevarsi a comunità solo finché protegge efficacemente i suoi membri contro gli orrori gemelli della miseria e dell’umiliazione, del terrore di essere esclusi, di cadere o essere spinti fuori dal treno del progresso, che accellera sempre più, di essere condannati alla “ridondanza sociale” o comunque marchiati come “rifiuti umani”.( Zygmunt  Bauman, Vite che non possiamo permetterci,2011, Laterza, p.35).

Nel suo ultimo libro, Z.B. descrive e spiega la deriva di un capitalismo che fomentando l’istinto di supremazia sull’altro e della competizione più feroce, rende l’uomo un animale da combattimento completamente scisso da sé stesso e dai suoi simili. Un Homo homini lupus, bene addestrato a sentirsi padrone del proprio destino, ma in realtà schiavo di oligarchie economiche e politiche.

Ciò che salta agli occhi, in questi esseri che , resi , spesso a loro insaputa, macchine da profitto perfette, è che, traendo la loro soddisfazione dal materialismo più bieco, han perso la nozione del concetto di “felicità”. Accaparrandosi ogni bene promesso dalla società dei consumi, perdono, poco alla volta, la loro dimensione umana, per diventare una sorta di “ricettatori” di oggetti e persone, misurando la propria realizzazione dalla quantità di potere acquisita. Se desideri qualcosa, prenditelo, con ogni mezzo a tua disposizione; solo così ti sentirai bene. Sarai acclamato nella società dei più e chi ti critica è solo per invidia e frustrazione.

Con la fine della politica come amministrazione del bene pubblico, è  il potere economico a sancire le modalità di comportamento delle società globalizzate. L’azienda è diventata la metafora della società stessa, dove ognuno deve svolgere diligentemente il proprio compito per avere il proprio tornaconto, attraverso il raggiungimento dei “target” o, più semplicemente, attraverso amicizie importanti che, in cambio, richiederanno appoggi e favori. Un do ut des.

Scrive Bauman:” Sono convinto che alla base dell’attuale “globalizzazione della disuguaglianza” vi sia la ripetizione, su scala planetaria, del processo de “separazione” tra “casa” e “impresa” posto da Max Weber alle origini del capitalismo moderno, vale a dire emancipazione degli interessi imprenditoriali da tutte le istituzioni socioculturali preesistenti deputate alla supervisione e al controllo in base a principi etici( istituzioni che all’epoca erano concentrate nella dimora familiare/laboratorio e, attraverso questa, nella comunità locale), in modo da rendere le iniziative economiche inattacabili da qualsiasi valore che non fosse la massimizzazione del profitto.(…) una rapida diffusione della sofferenza( povertà, disgregazione di famiglie e comunità, riduzione e depauperamento dei legami umani, ridotti al “legame monetario” come lo chiamò Thomas Carlyle ) e la nascita di una terra di nessuno, senza leggi vincolanti né supervisione amministrativa, visitata solo di tanto in tanto da giudici itineranti” ( Z. B. op. cit., p. 60).

La lingua, che come diceva De Saussure, si evolve attraverso i fatti, registra parole come “scuola-azienda”, “partito-azienda”, impoverendo e falsificando significati. Termini come “ottimizzazione”, “delocalizzazione”, “risorse umane”, “multitasking”,” budget” non sono più inerenti solo ai meccanismi d’impresa, ma diventano criteri di socialità, realizzazione personale che DEVE coincidere con quella professionale, valutazione del proprio essere.

Le istituzioni politiche, orfane degli ideali dei secoli scorsi, e dunque ritenuti obsoleti ed antiquati, si sono trasformate in cani da guardia delle multinazionali e delle Borse mondiali. Lo Stato, concepito come potere accentratore e nemico delle libertà individuali, si fa elastico e dispensatore di “felicità” nella misura in cui è in grado di garantire il benessere economico dei cittadini, non garantendo a tutti le stesse possibilità, bensì difendendo e tutelando le esigenze egoistiche care al capitalismo, attraverso lo strumento della paura:”

Lo Stato contemporaneo, avendo revocato il precedente atteggiamento terapeutico verso le conseguenze dell’insicurezza creata dal mercato e avendo proclamato che la missione di qualsiasi potere politico preoccupato del benessere dei suoi sudditi è perpetuare e accrescere quell’insicurezza , deve cercare altre versioni non economiche della vulnerabilità e dell’insicurezza e basare su di esse la propria legittimità; recentemente tale alternativa sembra essere stata individuata sul terreno della sicurezza personale: delle minacce al corpo, ai beni e agli habitat umani provenienti dalla criminalità, dai comportamenti antisociali della “sottoclasse” e, ancor più di recente, dal terrorismo globale.” (op.cit.,pp.88-89)

Al pari dello Stato anche la Chiesa ha eretto le sue fondamenta sulla paura, esiliando il “male” nelle terre di un “demonio” esterno all’essere umano, preda e pedina di proposte che allontanerebbero l’uomo dal “regno dei cieli”. Un uomo creatura di un dio vendicatore e principio del Tutto è un uomo che ha barattato il proprio senso critico e la coscienza di sé in cambio di una pseudo-felicità, che lo rende schiavo comunque.

Ciononostante:” la crisi ci può offrire opportunità sia per modificare che per analizzare la nostra situazione: per cercare di capire come siamo arrivati al punto in cui ci troviamo e che cosa possiamo fare ( se lo possiamo) per cambiare direzione. Può rappresentare davvero un’occasione per produrre “nuova conoscenza” e per tracciare nuove frontiere epistemologiche, che avranno implicazioni per le future linee di ricerca e di dibattito.(..) è opportuno effettuare un check-up completo, una revisione del modello che ha definito il nostro approccio all’economia, per valutare dall’attuale crocevia storico quali saranno le istituzioni destinate a sopravvivere e quali potrebbero invece risultare superflue o “estinguersi”.”(op.cit.,p. 192).

E’ necessario ricominciare a pensare, a dedicare tempo ed energie ad un Pensiero/Azione, nonostante l’attuale società consumista reputi l’intellettuale un perditempo improduttivo e nocivo.

Leggere, riflettere, ricordare ed elaborare dovrebbero diventare i nuovi assunti per discutere, in quanti più possibile, di bene comune e reale Felicità; memori delle esperienze passate, degli errori commessi e consapevoli delle possibilità offerte dalla scienza, dall’educazione e dal talento di cui può dar prova l’essere umano. Consci anche delle nostre debolezze, non relegate al regno astratto del “male”, ma alla nostra natura, comunque sfumata, mobile; razionale ma anche istintuale. 

E’ necessario perché doveroso verso le generazioni future e quelle passate che spesso attraverso grandi perdite umane hanno cercato di lasciarci un mondo migliore. E’ necessario per noi, se vogliamo ancora sentirci esseri umani e non misere pedine ripiegate su sé stesse di una Storia che appare nemica, ma che è solo il nostro specchio.

sfoglia
gennaio        marzo