.
Annunci online

 
draculia 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Soviet
Aletheia
Ilpostodellefragole
Luigirossi
Brigante
visionidiblimunda
Aegaion
Bloggerperfecto
Irlanda
Racconti
Lazzaroblu
Ladyrosenoire
Valmadlene
Le jongleur
Martinrua..massonevolteriano
Voglio scendere!

la télé qu'ici il n'ya pas...
L'Humanité
Mondialisation
lemonde
Voltaire
Mediaterre
nos cousins communistes
philomag
Le monde diplomatique

Akatalepsia (Aletheia)
Tisbe
Giulia
Dacia Valent
Beppone
dreca
Heraclitus

Megachip
ComeDonChisciotte
Qui Appunti dal Presente
Anno Zero
Report
Ballarò
Riccardo Iacona
Sandro Ruotolo
Sabina Guzzanti
Franca Rame
Dario Fo
dariofoefrancarame
Marco Travaglio
Oliviero Beha
Il diario delle belle donne
L'Ernesto
Carmilla
Internazionale.it
Attac
Liberazione
Beppe Grillo
radio popolare
Lifegate
disinformazione
arcoiris
cani sciolti
Il Manifesto
Ecoage
unmercantecomunista
CasadellaCultura
rainews24

MaxBazzana
Bruna
  cerca



*




*





*



*



*



Ferma.
Eppure
in viaggio.
Una
Armonia
di quattro.
Delineata
E mutevole
come l’acqua.



Dentro
e fuori
al confine



Libera
il pensiero




un sigillo
aperto



e
mille
mondi
possibili






 


 

Diario | stile libero | ballate | i Giganti | Suoni, immagini e pensieri | vecchi e nuovi tasselli di un puzzle... |
 
Diario
1visite.

27 ottobre 2014

o tempora o mores!

Leopolda contro S. Giovanni.
Kramer contro Kramer.
Perché se una volta la politica della Sinistra era una questione di cuore, ora le aree interessate son ben altre...quelle più consone ad infilare un gettone.

1 settembre 2014

stile libero


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Renzi articolo 18 lavoro crisi

permalink | inviato da draculia il 1/9/2014 alle 18:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

2 giugno 2014

pensiero e prassi...per il pareggio di bilancio.

Gli "aggiustamenti strutturali"," gli sforzi aggiuntivi " , significano, tradotti in italiano dal gergo giornalistico-politichese, nuovi tagli a sanità, ricerca, cultura e servizi sociali, oltre che ad aumenti delle imposte richieste ai soliti noti. Nessuno che lasci entrare per l'anticamera del proprio cervellino renziano che applicando l'IMU sui beni ecclesiastici forse si ricavrebbero quei nove miliardi che servono per il pareggio di bilancio.
Il giorno in cui il signore biancovestito, che si fa chiamare Francesco, chiederà al governo di realizzare questa misura, mi convincerò che i Papi servono a qualcosa. Il giorno in cui Renzi glielo chiederà, mi convincerò che  anche quest'ultimo serva a qualcosa.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Renzi IMU manovra bilancio chiesa Papa Francesco

permalink | inviato da draculia il 2/6/2014 alle 18:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 gennaio 2014

Tetano prêt à porter

C’era  una volta l’età dell’Oro. Quella in cui l’Idea di un Bene Pubblico accarezzava le menti di una moltitudine; in tanti erano accomunati dal sogno di poter realizzare aspirazioni  e sogni che non consistevano semplicemente in piccoli beni: smartphone, pc, televisori al plasma, macchine potenti. Potente doveva essere la mente ad immaginare qualcosa che desse serenità a sé ed ai propri cari . Era evidente, all’epoca, che la grandezza di una persona non si misurasse da ciò che possedesse o dove fosse arrivato, ma che dal fatto che, partendo dal nulla o quasi, fosse riuscito a realizzare qualcosa di concreto: un benessere psichico e fisico per una comunità. Era scontato, all’epoca, che il porre mattone su mattone  costasse fatica e forza d’animo, ma sempre rispettando i criteri di onestà, intellettuale e pratica.  L’integrità morale era un vanto, a dispetto delle scarse risorse economiche.

Venne poi l’età del Ferro. Un ferro pungente ed arrugginito, mal tagliato appositamente da chi all’Idea del Bene Comune oppose il concetto di bene privato. Un bene fatto di confort e scarsa fantasia; un giardinetto ben coltivato ma circondato da mine antiuomo, costituito da appena due dita di terra messe lì a coprire una gigantesca palude. L’età odierna; dove i poveri, sempre più poveri, guerreggiano tra loro per le briciole lasciate da un ristretto numero di fabbricanti di ferro. Gli stessi che, a suon di parole ben studiate, meccanismi bancari e malavitosi,  hanno sradicato i sogni che una volta riguardavano un’intera popolazione, bollandoli come utopie, antistorici, antimoderni. Il ferro, invece, è modernissimo. Lo portiamo tuttora conficcato in quel posto  e qualcuno ne è pure fiero, tanto è abituato a camminare a 90°; essendoci cresciuto lo trova naturale. Sente  crescere in sé un malessere notevole ma non riesce neppure più ad immaginare una vita senza quel ferro conficcato la dietro.  Lo si ha da tanto tempo, nonostante ogni tanto gli si dia una manciata di colore. E’ causa della Malattia ma  lo si mantiene comunque. Come un vestito stretto ma necessario ad essere integrati. Tetano prêt à porter.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Renzi Berlusconi PD PDL riforme

permalink | inviato da draculia il 22/1/2014 alle 22:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre